Di-Vin M’Horò in mostra a Verona con le sculture dedicate al mondo del vino

Gabriella Poli – Verona – Il vino non è solo il settore produttivo tra i più importanti del nostro paese ma anche talvolta un’ispirazione per l’arte. Ancora pochi giorni (fino a fine aprile) per visitare, alla Minotauro Fine Art Gallery al n. 29 di Corso Sant’Anastasia, la mostra “Di-Vin M’Horò” l’artista anonimo che ricicla scarti industriali rendendoli “spumeggianti, corposi, armoniosi, proprio come un buon vino”.

E continua il mistero sull’identità dell’artista contemporaneo che ha deciso di restare anonimo, (comunque portato al successo da Antonio e Salvatore Falbo) la cui produzione è curata dalla Minotauro Fine Art Gallery di Palazzolo sull’Oglio (Bs) diretta da Diego Giudici. L’artista sta riscuotendo successo internazionale, apprezzato dal mercato e dalla critica, in particolare modo da Vittorio Sgarbi che ne segue da vicino l’evoluzione stilistica e che firma il catalogo dedicato con parole di forte elogio.

In mostra, che resterà aperta fino a fine aprile, ad ingresso gratuito, visitabile nei pomeriggi di giovedì, venerdì, sabato e domenica dalle 15.30 alle 20.00, si potrà ammirare il percorso di M’Horò, davvero originalissimo, per l’utilizzo di scarti, ingranaggi industriali e materiali di rottamazione che diventano sculture torte, perforate, stampigliate in fini e sorprendenti cesellature. 

L’opera di M’horó – scrive nel catalogo Vittorio Sgarbi – assume il carattere quasi di un’archeologia industriale, prendendo di mira elementi radiali e serpentine destinati, probabilmente, a uscire presto dalla produzione, superati da altri tecnologicamente più evoluti, che vengono sottoposti a un’operazione prevalente, la deformazione per via di torsione, allungamento o perforazione (…). E se cinquanta anni fa, in ambito artistico, il riciclo del rifiuto poteva essere considerato poco più di una provocazione vogliosa di choc, oggi si connota, inevitabilmente, secondo una chiave diversa, maturata nel frattempo all’ombra dell’istanza ecologista, facendo della creazione artistica non solo un atto di natura estetica, ma anche morale. Il bello, insomma, che aspira di nuovo al buono, il piacere degli occhi, del tatto, della mente, che si mette al servizio anche di ciò che è socialmente utile”.

Il rifiuto industriale – scrive sempre nel catalogo il giornalista Roberto Messinasottratto alla sua inevitabile ossidazione, decomposizione e mummificazione, viene reso da M’horò linfatico, vivificato. E spumeggiante, corposo, armonioso, proprio come un buon vino… Un vino-scultura che acquista dignità di prestigiosissima ‘riserva’ e che si (ci) consegna ad una seconda e terza vita, con simboli, metafore, misure e dis-misure di una vera cosmogonia ideata sul sottofondo di una ‘nuova sinfonia del mondo antico’: quello nobile, benefico e potentemente seduttivo dell’enologia”.

Nel suo ricco repertorio di innovazioni iconografiche radicali – spiega Salvatore Falboè comunque e sempre celata l’elegante nostalgia di un passato idealizzato, dove il significato allegorico si fonde con astratte visioni naturalistiche. Si assiste ad un insieme di straordinaria grandiosità e immediata riconoscibilità nel conferire vita alle sue creazioni. In altre parole, gli oggetti di recupero, con cui l’artista manipola le proprie sculture, sono veri monumenti con spunti e contrappunti minimalisti e di design”.

Annunci

Autore: GABRIELLA POLI

Giornalista professionista, iscritta all'Albo professionale dal 1988, ho maturato diverse esperienze nel campo della carta stampata, della radio (Radio RPL, Antenna 3) e della televisione (Rai e Mediaset, Tele Antenna 3). Dottorato internazionale in Tecniche della Comunicazione indirizzo Giornalismo. Sono stata, tra l'altro direttore di testata giornalistica. Ora mi diletto di argomenti vari quali l'Arte i viaggi e l'enogastronomia e scrivo libri. (guide di viaggio per la RCS e libri di restauro e arte per l'Editoriale l'Espresso) e romanzi: La sinfonia dei Templari.

One thought on “Di-Vin M’Horò in mostra a Verona con le sculture dedicate al mondo del vino”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...