Natale nel Salento,  dai presepi di ceramica alla Notte dei Cento Falò

Natale nel Salento: dai presepi di ceramica di Grottaglie alla Notte dei Cento Falò di Castellana Grotte, passando per la cucina tipica di Ceglie Messapica e il presepe vivente di Villa Castelli anche durante le vacanze natalizie, il Salento è tra le mete più appetibili del turismo italiano ed europeo per le sue innumerevoli attrazioni legate alle tradizioni, ai presepi viventi e artigianali, ai prodotti tipici e al fascino dei suoi borghi.

La prima tappa è Ceglie, capitale pugliese della Dieta Mediterranea, con il suo affascinante centro storico medioevale dove si leggono ancora oggi le tracce dell’insediamento messapico: i cento gradini che portavano all’Acropoli dove, tra palazzi gentilizi e chiese, si arriva nel Convento del XV secolo, sede della Med Cooking School, l’unica sezione per l’Italia Meridionale di Alma di Gualtiero Marchesi. Diretta da Antonella Ricci, la scuola registra sempre il tutto esaurito per i suoi tre corsi annuali di Tecniche di base (www.medcookingschool.it). Per tutte le vie si diffonde il profumo dei biscotti di pasta di mandorla, cotti ancora oggi nei forni di pietra e presidio slow food. Ceglie ha conquistato sul campo la nomina di capitale pugliese della Dieta Mediterranea: vanta 60 trattorie ristoranti osterie di altissimo su 25mila abitanti.

Ad appena 15 chilometri si trova Villa Castelli, piccolo borgo, che primeggia per le sue aziende specializzate nella produzione di olio extravergine di oliva di eccellenza. Il Comune è in procinto di lanciare un marchio di qualità per promuovere le aziende che sposano la produzione biologica. In Gravina il 26 dicembre appuntamento con il Presepe Vivente, animato da tutti gli abitanti del borgo. Gesù nasce tra antichi mestieri e le massaie che sfornano le pittule per i visitatori. Tipica di Villa Castelli è la pasta reale: fatta con zucchero e mandorle, una delizia da non perdere e da regalare agli amici.

8 dicembre 2016 – 8 gennaio 2017 –  MOSTRA DEI PRESEPI DI CERAMICA A GROTTAGLIE

L’8 dicembre Grottaglie, famosa per le sue ceramiche, inaugura la Mostra dei presepi in ceramica, che, allestita nel quartiere delle Ceramiche, dove lavorano tutti gli artigiani della creta, rimarrà aperta fino all’ 8 gennaio. A concorso l’estro degli artigiani del luogo che, con colori e statuine dalle magnifiche fatture, fanno sognare grandi e piccini.

Il presepe monumentale di Grottaglie e gli altri capolavori saranno in mostra per tutto dicembre anche nel castello di Gallipoli e nel palazzo ducale di Martina Franca, un’iniziativa dell’assessorato alla cultura per legare la città agli altri siti turistici della Puglia.

Sui balconi di Grottaglie svettano i PUMI IN CERAMICA, di colore nero, bianco o verde scuro. Raffigurano il bocciolo di una rosa e, si dice, scaccino via il malocchio. Tipiche di Grottaglie sono poi le formose bambole di creta con i baffi, chiamate LE PUPE: si racconta che, per soddisfare lo jus primae noctis del signore feudale, un marito, giustamente geloso, si travestì da donna e si presentò nella camera da letto del signore. Ma, ahimè dimenticò di tagliarsi i baffoni e venne purtroppo scoperto e punito.

11 gennaio 2017 – LA NOTTE DEI CENTO FALO’ A CASTELLANA GROTTE

https://www.youtube.com/watch?v=ud4dJ6k77uc

A Castellana Grotte, famosa per le sue GROTTE, fervono i preparativi per la Notte dei cento falò, che sarà celebrata l’11 gennaio 2017. Tutte le vie del centro e anche le contrade si illuminano con l’accensione in contemporanea di piccole e grandi pire, chiamate in dialetto locale LE FANOVE, realizzate con le radici e i rami degli ulivi dai castellanesi in onore della Madonna della Vetrana che liberò la città dalla peste nel 1625. In ricordo di questo episodio, storicamente documentato, tutti gli anni, tra bande e luminarie si accendono i cento falò. E’ un momento di grande religiosità e spirito di comunità.

La notte tra il 7 e l’8 gennaio tutto il comitato presieduto da Michele Guglielmi con il sindaco Franco Tricase e il vicesindaco Gianni Bianco girano per gli oleifici di Castellana, per raccogliere l’olio con cui sarà accesa la lampada votiva in onore della Madonna della Vetrana. Si narra infatti che fu proprio l’olio benedetto della lampada della Madonna a guarire con l’unzione gli appestati.

Annunci

Autore: GABRIELLA POLI

Giornalista professionista, iscritta all'Albo professionale dal 1988, ho maturato diverse esperienze nel campo della carta stampata, della radio (Radio RPL, Antenna 3) e della televisione (Rai e Mediaset, Tele Antenna 3). Dottorato internazionale in Tecniche della Comunicazione indirizzo Giornalismo. Sono stata, tra l'altro direttore di testata giornalistica. Ora mi diletto di argomenti vari quali l'Arte i viaggi e l'enogastronomia e scrivo libri. (guide di viaggio per la RCS e libri di restauro e arte per l'Editoriale l'Espresso) e romanzi: La sinfonia dei Templari.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...